György Kurtág: giochi in bianco e nero

Siamo abituati a pensare alla storia del pianoforte come ad un percorso che trova il suo apice nell’età romantica, si consolida per certi aspetti (timbrici o formali) con Gabriel Fauré, Maurice Ravel e Debussy ma sembra esaurire, tutto sommato, il… Continue Reading