Classici del Novecento: La Voix humaine

Torna al Teatro Regio di Torino un classico del teatro musicale, La Voix humaine della coppia Poulenc-Cocteau. Quando non esistevano ancora i cellulari né gli Iphone il dramma era a senso unico e ben poco frammentario.

 

L’immagine del compositore Francis Poulenc (1899-1963) è in buona parte legata al periodo degli anni Venti-Trenta in Francia, quando figutava nel Gruppo dei Sei (insieme a George Auric, Louis Durey, Honegger, Milhaud e Germaine Tailleferre). Anche se la maggior parte delle opere di Poulenc restano legate alla concezione estetica formulata, a quel tempo, da Jean Cocteau, non va dimenticato che durante la sua carriera sono apparse opere che si allontanano, almeno in parte, dal canone “neo-classico”. Non si tratta, forse, di grandi svolte stilistiche ma di cambiamenti significativi della forma. E’ questo il caso, per esempio, di alcune opere che si collocano negli anni Cinquanta e che risentono, forse, di una certa attenuazione dello spirito ribelle e ironico del periodo post-bellico (quello di Les mamelles de Tirésias e de Le bal masqué). D’altra parte, Poulenc inaugura gli anni Cinquanta con uno Stabat mater e prosegue componendo un’opera di ampio respiro come Les Dialogues des carmélites (1957), dall’ononimo testo di Bernanos. Il “dialogo” qui promosso è già il sintomo di una ricerca musicale che non si accontenta più di essere provocatoria ma che eredita le forme del passato per  indagare problematiche sia universali che soggettive: l’amore, la fede, la solitudine. Il caso della “tragedia lirica”  La Voix humaine, su libretto di Cocteau, è emblematico di questo interesse per l’interiorità: Poulenc risolve il dramma personale in un dialogo tra la voce e l’orchestra, dove quest’ultima risulta sempre fedele ai moti dell’animo sottolineandone le asprezze e le difficoltà.

Può capitare di leggere che La Voix humaine è accostabile a un atto unico (monodramma) come Erwartung di Arnold Schoenberg (1909). Se è vero che si tratta, in entrambi i casi, di una forma dialogante che tende a privilegiare la voce rispetto agli strumenti, il modo in cui questo avviene rimane profondamente diverso. A parte una certa remota influenza del Lied tedesco, nel caso di  Erwartung gli spazi sonori che Schoenberg tenta di conquistare lo portano verso una forma frammentaria e poco propensa ad assecondare gli sviluppi emotivi o drammatici della parte vocale. Il discorso musicale de La Voix humaine è di gusto marcatamente francese e, semmai, può essere accostato a certe melodie di Honegger (un altro compositore caro a Cocteau) e, con le debite differenze, al Ravel classicheggiante delle melodie greche o ebraiche. Anche l’orchestrazione rende l’accostamento ardito e, in fin dei conti, superficiale: Poulenc utilizza ogni effetto possibile da un’orchestra di proporzioni generose, in un’ottica chiaramente spettacolare. Predispone alcuni spazi melodici per voce sola, ma nel complesso le battute dedicate all’orchestra non lasciano dubbi sull’uso degli effetti che Poulenc intendeva produrre.  Schoenberg si muoveva, al contrario, in un universo sonoro che è quello della musica da camera e con l’intento di isolare la voce dal resto degli strumenti, secondo quello che la critica ha chiamato lo stile “espressionista”. Al di là, quindi, dell’aspetto lirico di entrambi i soggetti, densi di pathos e di solitudine, dal punto di vista stilistico non si potrebbe essere più lontani da una somiglianza effettiva.

La Voix humaine è un’opera fortunata e, ancora oggi, ripresa nei cartelloni dei teatri europei. Oltre al primo allestimento per la salle Favart del Théâtre national de l’Opéra-Comique di Parigi,  il Teatro alla Scala ha ospitato lo spettacolo lo stesso anno del debutto (1959), mentre tra i molti allestimenti si possono ricordare quello inglese per il Glyndebourne Festival Opera con la Royal Philharmonic Orchestra (1960) e il debutto al Teatro Regio di Torino nel 1999 con Renata Scotto come voce recitante in lingua originale. Oggi ritorna nella nuova veste voluta da Ludovic Lagarde (fino al 27 maggio) sempre sul palcoscenico del Regio di Torino. Anna Caterina Antonacci soprano, Antoine Vasseur (scene), costumi di Fanny Brouste, Lidwine Prolonge (video), Sébastien Michaud (luci), Céline Gaudier (assistente alla regia). Allestimento Opéra Comique (Parigi) in coproduzione con Les Théâtres de la Ville de Luxembourg e Opéra Royal de Wallonie. Le musiche di Francis Poulenc saranno eseguite dall’Orchestra del Teatro Regio. (a.d.)

 

Licenza Creative Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.